PRIMO PIANO

Imprese sociali: previste anche agevolazioni dal MISE

Con una dotazione di 223 milioni di euro, prende il via la nuova misura agevolativa del Ministero per lo Sviluppo economico per la nascita e lo sviluppo di imprese che operano nel mondo del no profit. Con il decreto ministeriale  14 febbraio 2017 sono stati infatti definiti i termini  per accedere alle agevolazioni rivolte alle imprese sociali e alle cooperative sociali o aventi qualifica di ONLUS e ora il decreto MISE del 26 luglio 2017  individua i termini e le modalità di presentazione delle domande di agevolazione e fornisce in allegato:

Allegato 1 – Domanda di agevolazione
Allegato 2 – Elementi per la valutazione del piano progettuale
Allegato 3 – Rapporto tecnico finale
Allegato 4 – Elenco degli oneri informativi

Sono previsti finanziamenti agevolati, a fronte di programmi d’investimento, in qualunque settore, ma coerenti con le finalità istituzionali di utilità sociale

Il finanziamento agevolato e il finanziamento bancario copriranno insieme l’80% dei costi del programma e saranno disciplinati da un contratto unico nell’ambito del quale il finanziamento agevolato sarà pari al 70% e il finanziamento bancario al 30% del finanziamento complessivo.

Il finanziamento, al tasso agevolato di 0,5% avrà una durata massima di 15 anni. Inoltre , per i progetti di  investimenti non superiori a tre milioni di euro al finanziamento agevolato è associato un contributo non soggetto a restituzione pari al 5 % dei costi del programma.

Le domande potranno essere presentate a partire dal 7 novembre prossimo, dopo aver ottenuto la delibera di finanziamento da una delle banche finanziatrici convenzionate. Il Ministero si avvarrà della collaborazione di Invitalia per gli adempimenti tecnici e amministrativi relativi alla gestione della misura.

Piu in dettaglio i  soggetti beneficiari delle agevolazioni sono le seguenti tipologie di imprese:

  • imprese sociali costituite in forma di società, di cui al decreto legislativo n. 155/2006 e successive modifiche
  • cooperative sociali e relativi consorzi, di cui alla legge n. 381/1991
  • società cooperative aventi qualifica di ONLUS ai sensi del decreto legislativo n. 460/1997

L’intervento è sottoposto alla disciplina sulla  concessione di aiuti ai sensi dei regolamenti europei “de minimis”.