Definizione accertamenti: cosa fare in caso di società in liquidazione

Una società in liquidazione che ha chiuso i propri conti correnti, come può fare ad aderire alla definizione agevolata degli atti di accertamento? La procedura prevista dal collegato fiscale alla Legge di bilancio 2019 infatti si perfeziona con il pagamento di quanto dovuto senza presentare nessuna istanza, ma non è chiaro come possa essere effettuato il pagamento telematico per la società senza conto corrente.

A chiarire questo dubbio ci ha pensato l'Agenzia delle Entrate nel corso di Telefisco, l'incontro annuale tra l'amministrazione finanziaria e la stampa specializzata. Nel merito, le Entrate hanno proposto tre diverse soluzioni (la risposta completa dell'Agenzia è stata pubblicata sul Sole24ore del 1.2.2019 a pagina 18 come n.25):

  1. il modello F24 può essere inviato telematicamente tramite un intermediario abilitato che addebita l'importo sul proprio conto corrente utilizzando il servizio "F24 addebito unico";
  2. il modello F24 può essere inviato telematicamente tramite intermediari della Riscossione come le banche, le poste o altri intermediari. Tali soggetti infatti permettono il versamento con modalità diverse rispetto all'addebito in conto corrente, per esempio tramite carte prepagate. In questo modo l'F24 può essere presentato telematicamente anche dalla società priva di conto corrente in quanto in liquidazione,
  3. il modello F24 può essere presentato in forma cartacea nel caso non sia possibile presentarlo telematicamente.

Di seguito una tabella di riepilogo:

VERSAMENTO F24 SOCIETA' IN LIQUIDAZIONE SENZA C/CORRENTE
Presentazione F4 con addebito sul conto di un intermediario abilitato
Presentazione F24 telematico con addebito non sul conto corrente rivolgendosi ad intermediari della riscossione
Presentazione F24 in forma cartacea