Quali sono le attività alle quali si può applicare il lavoro occasionale accessorio?

Il lavoro occasionale di tipo accessorio trova applicazione per le prestazioni rese  in tutti gli  ambiti lavorativi.
Solo per  le imprese del settore agricolo, il lavoro accessorio è ammesso con queste limitazioni (D.Lgs 81/2015) per: 
  • aziende con volume d’affari superiore a 7.000 euro esclusivamente tramite l’utilizzo di specifiche figure di prestatori (pensionati e giovani con meno di venticinque anni di età, se regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado, compatibilmente con gli impegni scolastici, ovvero in qualunque periodo dell’anno se regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso l’università) per lo svolgimento di attività agricole di carattere stagionale;
  • aziende con volume d’affari inferiore a 7.000 euro che possono utilizzare qualsiasi soggetto in qualunque tipologia di lavoro agricolo, anche se non stagionale purché non sia stato iscritto l’anno precedente negli elenchi anagrafici dei lavoratori agricoli.
Possono fruirne quindi :
  • imprese familiari
  • enti pubblici (per tutte le categorie di prestatori e finalità delle prestazioni)
  • lavoratori autonomi e professionisti 
  • aziende ( con eccezione dei propri dipendenti)