La sostituzione della vasca da bagno gode del bonus per ristrutturazioni edilizie?

Si,  la ristrutturazione di un bagno o anche la sola sostituzione della vasca da bagno per un uso più agevole da parte di disabili,  ma anche semplicemente di anziani,  rientra nei lavori di manutenzione straordinaria degli edifici l’art. 16 del (D.L. n. 63/2013 e. L. 147/2013)che godono della detrazione al 50% delle spese dall’imposta IRPEF in sede di dichiarazione dei redditi, fino a fine 2014.  Tale spesa può essere dedotta dal proprietario dell’immobile o dall’inquilino nei cinque anni successivi al pagamento, che ricordiamo va effettuato con bonifico bancario, riportando i dati fiscali dell’impresa che ha effettuato il lavoro, il CF fiscale del’intestatario del conto corrente e conservando la relativa fattura  (ad esempio il figlio convivente può pagare e detrarsi la spesa per il genitore proprietario).
ATTENZIONE : La detrazione non si applica invece in caso di semplice modifica della vasca da bagno, anche se ci fossero le stesse motivazioni e non può essere detratta da parenti del disabile se non sono proprietari o inquilini dell’immobile stesso .